Benvenuti a Como, sulla punta del ramo occidentale del Lario, città di 80.000 abitanti che riveste grande importanza per la sua storia, per la sua cultura, per la sua industria tessile ma, soprattutto, per l’incantevole posizione geografica.

Nata da insediamenti preistorici e trasferita da Giulio Cesare sul luogo di passaggio per il versante nord delle Alpi, la città ha sempre avuto un ruolo chiave per questa regione, tanto che rivaleggio per molti secoli con Milano.

Dall’alto medioevo Como sviluppò, accanto alla città cinta da mura (volute dal Barbarossa e conservate in parte sino ai giorni nostri), dei borghi separati dal centro, ciascuno con una propria identità e proprie caratteristiche. Oggi questi piccoli nuclei sono stati incorporati alla città e il loro ricordo è vivo nei tanti monumenti antichi che si possono ammirare lungo le strade di Como.

Dal 16° secolo la città subisce la dominazione spagnola, per poi passare agli austriaci nel Settecento. Sono gli anni di Alessandro Volta e delle ville sontuose, dello sviluppo dell’industria della seta e del Teatro Sociale.

Visitando il Museo Civico Archeologico Giovio si avrà un’idea della Como preistorica, mentre al periodo romano risale la struttura urbanistica del centro storico. Le tre torri nel lato sud della cinta muraria sono traccia del suo passato medievale, così come le chiese romaniche e il magnifico Duomo terminato nel 1740.

Nella zona di Borgo Vico, a ovest della città, si ammirano splendide ville e muovendosi sul lungolago, verso il centro, si incontrano il Tempio Voltiano e Piazza Cavour, dove un tempo si trovava il porto commerciale.

Duomo di Como

CC Gerry Labrijn

Cosa vedere a Como

Il Duomo, l’antico centro civile e religioso nel cuore della città, è uno dei pochi edifici in stile gotico di Como (insieme alla chiesa di Sant’Agostino). Iniziato nel 1396 su progetto di Lorenzo degli Spalti, per volere di Gian Galeazzo Visconti, ebbe termine solo nel 1740 con la cupola di Filippo Juvara.

La facciata è arricchita da sculture del Rodari mentre l’interno, a croce latina, custodisce arazzi del XVI e XVII secolo, provenienti da Ferrara, Firenze ed Anversa, e un pavimento in marmo nero di Varenna e bianco di Musso.

La chiesa di San Carpoforo sorge in posizione isolata sulle pendici del colle del Baradello e conserva l’abside e il campanile risalenti al XII secolo. Sant’Abbondio con i suoi due campanili risale al 1100; molto interessante è la facciata con l’abside affrescato e le sculture del portale maggiore.

Fra le chiese più interessanti c’è San Fedele, costruita dall’unione di uno schema basilicare a tre navate con un impianto centrale tribolato. Terminata nel 12° secolo, la facciata è stata ripresa nel 1914 mentre l’interno è stato in grossa parte ristrutturato nel periodo rinascimentale.

Il centro storico è cinto dalle mura costruite da Federico I di Svevia il Barbarossa nel XII secolo, dopo la sconfitta subita nei confronti di Milano. Ancora oggi nella parte meridionale è possibile apprezzare tre torri: Torre di Porta Nuova, a ovest, Torre San Vitale, a est, e Porta Torre, al centro, alta circa quaranta metri.

Passeggiare sul lungolago può essere oltre che piacevole anche molto interessante: qui si concentrano diverse attrattive della città. Il Tempio Voltiano, eretto nel 1927, celebra con numerosi ricordi e testimonianze il primo centenario della morte di Alessandro Volta. Piazza Cavour è un animato spazio, simbolo del risorgimento comasco, da cui godere di un magnifico panorama e che ancora oggi, nei periodi di grande pioggia, viene invasa dalle acque del lago.

Borgo Vico ospita le più belle ville della città, tutte costruite alla fine del Settecento: Villa Saporiti, Villa Gallia, Villa Salazar e la maestosa Villa Olmo.

Como centro

CC Fred PO

Dove mangiare a Como

In elenco alcuni ristoranti e agriturismi consigliati a Como:

Theoria – Ristorante i Tigli in Theoria
Via Aurelio Bianchi Giovini, 41 – 22100 Como
Tel. +39 031 305272
www.theoriagallery.it
Nell’affascinante palazzo vescovile in centro città, I Tigli si è unito a Theoria. Il risultato? Arte, storia e piatti gourmet per un’esperienza a tutto tondo!
Chiuso lunedì.

La Vita è Bella
Piazza Domenico Croggi, 4 – 2210 Como
Tel. +39 031 302667
Ristorante – Bar – Insalatiera.
Chiuso lunedì.

The Market Place Restaurant
Via Borsieri, 21, 22100 Como
Tel. +39 031270712
www.themarketplace.it
Piccolo ristorante con 25 posti a sedere gestito dallo chef patron Davide Maci, che, dopo numerose esperienze in ristoranti stellati in Europa, dall’ottobre 2010 allieta i suoi ospiti con piatti mediterranei rivisitati e ricchi di spunti moderni ed innovativi.
Chiuso domenica e lunedì a pranzo.

Capitan Drake
Via Borsieri 23, 22100 Como
Tel. 39 031 489 3841
Propone prodotti eno-gastronomici di qualità. Prodotti gastronomici. Distribuzione Vini Italiani e Neozelandesi. Degustazioni e aperitivi. Internet FREE.

L’Antica Trattoria
Via Luigi Cadorna 26 – 22100 Como
Tel. +39 031 242777
Possibile trovare i piatti della tradizione locale adatti anche a chi soffre di intolleranze alimentari.
Chiuso domenica.

Lo Storico
Via Juvara, 14 – 22100 Como
Tel. +39 031 260193
www.lostorico.it
Consigliato solo ai veri intenditori e buongustai del pesce fresco di mare (non di allevamento!). Chiuso domenica.

Ristorante Rino
Via Vitani, 3 – 22100 Como
Tel. +39 031 273028
www.ristoranterino.com
Gestito dalla famiglia Lepri ormai da 10 anni, in un ambiente caldo ed accogliente, propone piatti tipici della tradizione Toscana. Dai crostini ai salumi di cinta senese, le zuppe contadine come la ribollita o la minestra di farro, cacciagione, funghi porcini, tartufi, seguendo la stagionalita’ dei prodotti. Fino ad arrivare alla Fiorentina di Chianina certificata. Dolci fatti in casa e una accurata selezione di vini.
Chiuso lunedì.

Come arrivare a Como

In aereo
Dai tre scali milanesi (Malpensa, Linate o Orio al Serio) raggiungere il centro di Milano (stazione centrale o Cadorna) e da qui prendere il treno per Como.

Dall’areoporto di Malpensa, con il Malpensa Express, conviene scendere a Saronno e prendere il treno delle Ferrovie Nord per Como.

Da Malpensa è possibile raggiungere Como con l’autobus linea 250 in circa un’ora.

In treno
Per giungere a Como si possono utilizzare i treni che partono dalla Stazione Centrale di Milano oppure da Milano Cadorna-Saronno (Ferrovie Nord).

In auto
Da Milano la strada più rapida è la A9 Como-Chiasso e in meno di un’ora si può raggiungere la città, che dista circa 50 km.
In alternativa si può optare per percorrere tutta la Milano-Meda e poi seguire le indicazioni per Como.